Coordinamento dell’Osservatorio
Gruppo Locazioni Procedurale
Gruppo Redazione OGC
Gruppo Mediazione e conciliazione
Gruppo Organizzazione e PCT
Gruppo Stage
Gruppo spese di giustizia e tariffe
Gruppe Trattato di Lisbona
Gruppo Giudice di Pace
Gruppo Danno alla persona
Gruppo Diritto del Lavoro
Gruppo Consulenza tecnica
Gruppo Persone e Famiglia
Protocollo PCT
Assemblea Nazionale degli Osservatori - 2013
Programma di lavoro del Gruppo Consulenza Tecnica
Nuova costituzione di Gruppi di Lavoro
Locazioni - Protocollo del processo
Programma della Assemblea Nazionale degli Osservatori sulla Giustizia Civile 2011
MOZIONE GRUPPO ORGANIZZAZIONE
MOZIONE GRUPPO CONCILIAZIONE
Progetto Nausicaa
Il processo telematico
Crisi dei tribunali e crisi della città: prospettive di riscostruzione nell’Europa dei diritti’
Primi materiali per l’Assemblea Nazionale 2010
Osservatori in assemblea - Informatica e conciliazione sotto i riflettori
Titolo 168
Titolo 167
Titolo 166
Titolo 165
Titolo 164

Assemblea Nazionale - 2005
totale documenti: 4
Programma del convegno
01.05.2005
In allegato il programma delle giornate del convegno.
Programma
 
Tecniche di redazione del dispositivo
Domenico Paparo - Magistrato di Firenze
01.05.2005
Nel riflettere sulla decisione della causa, abbiamo pensato che fosse necessario prestare attenzione anche alla redazione del dispositivo, dato che esso ne costituisce -da un punto di vista pratico- l'aspetto essenziale, in quanto diretto a regolare in concreto il caso.
Per paradosso: una sentenza con una cattiva motivazione e un buon dispositivo serve, una sentenza con una buona motivazione e un cattivo dispositivo NON serve...
 
Verbali di udienza e moduli di gestione
Luca Minniti - Magistrato di Firenze
01.05.2005
Il progetto ambizioso degli osservatori si fonda in primo luogo sulla scelta dell’autoriforma come proposta consapevole dei limiti della disciplina positiva e delle ipotesi di modifica legislativa. In secondo luogo ...
 
Conclusioni
Dott. Gianfranco Gilardi, Presidente Fondazione Carlo Maria Verardi
01.05.2005
Anche se con molta generosità mi è stato affidato il compito di concludere, le mie non possono essere conclusioni: non solo per l’ora tarda, che sollecita alla massima concisione, e non soltanto perché anche con più tempo a disposizione sarebbe impossibile riassumere un dibattito così ricco ed intenso; ma anche, e soprattutto, perché - nonostante il titolo del convegno che nel passaggio dal “protocollo per le udienze” al “protocollo per il giudizio” sembra quasi suggerire l’idea di un punto di arrivo - i temi trattati rimandano, secondo la caratteristica propria di ogni Osservatorio, all’esigenza di guardare ad ogni traguardo non come ad un approdo definitivo ma come a una sponda da cui partire per altri passi in avanti, in una linea di continuità rivolta a tracciare – in senso esattamente opposto ai sovvològimenti normativi che stiamo vivendo – percorsi nuovi senza disperdere ciò che di positivo è stato nel frattempo realizzato, nella costante e faticosa evoluzione dell’ordinamento giuridico...
 
Spunti e proposte in tema di fase iniziale rito ordinario civile di cognizione: elementi prassi
Decisione e motivazione
Il problema dell’esibizione di documenti nel codice di rito italiano
Protocollo per le udienze civili del Tribunale di Firenze “ Testo modificato ed aggiornato alla luce delle leggi n. 80 e n. 263 del 2005 e delle esperienze degli altri Osservatori.
Conclusioni
Osservatorio sulla Giustizia Civile di Firenze - info@osservatoriogiustiziacivilefirenze.it